Software per oscilloscopi PicoScope
Vai alla tabella comparativa degli oscilloscopi
Torna alla Home

STRUMENTI > OSCILLOSCOPI > VIRTUALI

KIT Oscilloscopio Differenziale PicoScope 4444 - 1000 V CAT III - 4 canali D9

Codice: PQ074

- Risoluzione flessibile 12 o 14 bit
- Larghezza di banda da 20 MHz
- Campionamento fino a 200 MS/s
- 4 ingressi differenziali 9-pin D-Sub
- Misure corrente/tensione CAT III 1000 V
- Garanzia hardware 5 anni completa
- Software PicoScope 6 e PicoLog incluso!

Prezzo: 1.625,00 € IVA esclusa

Caratteristiche

Nuovo Oscilloscopio Differenziale PicoScope 4444

Con quattro ingressi differenziali veri, una risoluzione da 12 a 14 bit e ampi intervalli di tensione differenziale e di modo comune, il PicoScope 4444 e i suoi accessori offrono la possibilità di una misurazione accurata e dettagliata per una moltitudine di applicazioni. I connettori di tipo D a 9 pin forniscono una vera interfaccia della sonda differenziale e consentono inoltre al software PicoScope 6 di identificare automaticamente la sonda e selezionare le impostazioni di visualizzazione appropriate.

Sonde differenziali PicoConnect 441 1:1 e PicoConnect 442 25:1

Sono disponibili numerosi accessori per PicoScope 4444. Questi sono disponibili per l'acquisto singolarmente o in aggiunta a un kit.

PicoConnect 441 è una sonda generica differenziale passiva, senza attenuazione e con larghezza di banda di 15 MHz, la quale misura con precisione tensioni sugli intervalli da ± 10 mV a ± 50 V. La sonda è dotata di una clip di riferimento di massa e dei soliti cavi positivo e negativi, per eliminare differenze di tensione di modo comune sconosciute tra la sonda e il dispositivo in prova (DUT). Essa utilizza cavi tipo banana da 4 mm non rivestiti, quindi è compatibile con una vasta gamma di sonde di prova: viene fornita con una coppia di sonde con gancio a molla.

PicoConnect 442 è una sonda passiva per la misurazione della tensione differenziale con attenuazione 25:1 e larghezza di banda di 10 MHz. È valutata per l'uso fino a 1000 V CAT III e l’utilizzo di questa sonda con PicoScope 4444 è il modo più conveniente per effettuare queste misurazioni in modo sicuro, su più canali. Senza la necessità di una batteria, PicoConnect 442 è adatta per misurazioni di tensione a breve e lungo termine.La sonda è a doppio isolamento per eliminare la necessità di una massa di sicurezza. È prevista con cavi tipo banana da 4 mm rivestiti e viene fornita con una selezione di sonde di prova idonee.Gli utilizzi di questa sonda comprendono testare le attrezzature elencate nella Categoria di sovratensione III secondo la norma EN 61010-1:2010, come la misurazione della tensione sui quadri di distribuzione, interruttori e prese fisse.

Sonde di misurazione di corrente: esclusivamente per PicoScope 4444

TA300 e TA301 utilizzano entrambe l'effetto Hall per misurare le correnti AC e DC, mentre il TA368 utilizza il principio della bobina di Rogowski per misurare la corrente AC senza saturazione. L'interfaccia sonda intelligente significa che le sonde sono alimentate direttamente dal PicoScope 4444, in modo da poterle utilizzare per la misurazione di corrente per lunghi periodi di tempo, senza la preoccupazione delle batterie scariche. Ciò significa inoltre che quando si collega una di queste sonde, il software PicoScope 6 si configura automaticamente per visualizzare il segnale.

Disponibile con Software oscilloscopio PicoScope o datalogger PicoLog

Il software PicoScope 6 è stato sviluppato per analisi semplice o molto avanzate, dedica la maggior parte dell'area di visualizzazione alla forma d'onda, garantendo che la quantità massima di dati sia visibile in ogni momento. La dimensione del display è limitata solo dalle dimensioni del monitor del computer, quindi anche con un laptop l'area di visualizzazione è molto più grande, con una risoluzione molto più elevata rispetto a quella di uno strumento da banco. Con una così ampia area di visualizzazione disponibile, è possibile creare un display a schermo diviso personalizzabile e visualizzare contemporaneamente più canali o diverse viste dello stesso segnale allo stesso tempo; il software può persino mostrare più visualizzazioni di oscilloscopio e analizzatore di spettro contemporaneamente. Ogni vista ha impostazioni di zoom, panoramica e filtro separate per la massima flessibilità. È possibile controllare il software PicoScope 6 utilizzando un mouse, touchscreen o scorciatoie da tastiera personalizzabili.

PicoScope 4444 è ora supportato in PicoLog 6, che consente di utilizzare più unità contemporaneamente, quindi è possibile visualizzare e registrare la tensione trifase e la corrente trifase su una cattura con due PicoScope 4444. PicoLog 6 consente frequenze di campionamento fino a 1 kS/s per canale ed è ideale per l'osservazione a lungo termine di parametri come fase, tensione e livelli di corrente su più canali contemporaneamente, ad esempio durante il monitoraggio dell'utilizzo dell'edificio e dell'alimentazione HVAC. È meno adatto per l'analisi della forma d'onda o delle armoniche: utilizzare il software PicoScope 6 per questi compiti.
È inoltre possibile utilizzare PicoLog 6 per visualizzare i dati dall'oscilloscopio insieme a un registratore di dati o un altro dispositivo. Nell'esempio seguente, ad esempio, un PicoScope 4444 sta registrando la corrente trifase insieme a un registratore di dati corrente PicoLog CM3.

Scopri le specifiche tecniche complete sulla Brochure in italiano!

Specifiche


Specifiche non inserite per questo prodotto.

FAQ

Glossario termini utilizzati

API.

Application Programming Interface (interfaccia di programmazione di un'applicazione). Serie di chiamate di funzione che consentono ai programmatori di accedere al driver degli oscilloscopi PicoScope serie 3000 A/B.

Base dei tempi.

Timer che controlla la velocità di acquisizione dei dati dell'oscilloscopio. Con basi dei tempi lente, questo processo è visibile come traccia prodotta da PicoScope sulla vista dell'oscilloscopio da sinistra a destra; con basi dei tempi veloci, PicoScope produce l'intera traccia in una singola operazione. La base dei tempi si misura in unità di tempo (ad esempio secondi) per ripartizione. La vista oscilloscopio ha dieci ripartizioni, in modo tale che il tempo totale sull'intera larghezza della vista sia pari a dieci volte l'impostazione per ripartizione.

Device Manager.

Device Manager è un programma di Windows che visualizza la configurazione hardware corrente del computer. Windows XP: fare clic con il tasto destro su "Risorse del computer", scegliere "Proprietà" e fare clic sulla scheda "Hardware" e quindi sul pulsante "Gestione periferiche". Windows Vista e Windows 7: dal menu Avvio fare clic con il tasto destro su "Computer", scegliere "Proprietà" e fare clic su "Gestione dispositivi" nel pannello a sinistra.

Dimensione buffer.

La dimensione della memoria buffer dell'oscilloscopio, misurata in campioni. In modalità blocco, l'oscilloscopio utilizza la memoria buffer per salvare temporaneamente i dati in modo tale da poterli campionare indipendentemente dalla velocità alla quale è in grado di trasferirli sul computer.

Driver.

Programma che controlla una parte di hardware. Il driver per gli oscilloscopi per PC PicoScope serie 3000 A e B ed MSO è fornito come DLL di Windows a 32 bit (ps3000a.dll). È utilizzato dal software PicoScope e da applicazioni progettate dall'utente per comandare gli oscilloscopi.

Frequenza di campionamento massima.

Cifra indicante il numero massimo di campioni che l'oscilloscopio può acquisire al secondo. Le velocità di campionamento massime sono in genere indicate in MS/s (megacampioni al secondo) o GS/s (gigacampioni al secondo). Quanto più elevata è la frequenza di campionamento dell'oscilloscopio, tanto più accurata è la rappresentazione dei dettagli ad alta frequenza in un segnale veloce.

Gamma di tensione.

La gamma di tensione in ingresso misurabile dall'oscilloscopio. Ad esempio, un range di tensione di ±20 V significa che l'oscilloscopio può misurare tensioni tra -20 V e +20 V. Le tensioni in ingresso che non rientrano in questo intervallo non saranno misurate correttamente, ma non danneggiano lo strumento, purché non superino i limiti di protezione indicati nelle specifiche.

Generatore di segnale.

Circuito integrato che genera segnali idonei per comandare un dispositivo esterno sottoposto a prova. La sua uscita è sul connettore BNC contrassegnato "GEN" sull'oscilloscopio. Collegando il connettore a uno degli ingressi dei canali mediante cavetto BNC, è possibile inviare un segnale in uno dei canali.

Larghezza di banda.

Gamma delle frequenze in ingresso sulla quale l'ampiezza di segnale misurata non è più di 3 decibel sotto il valore reale. MS/s (megacampioni al secondo). Si utilizza per quantificare la velocità di campionamento di un oscilloscopio.

MSO (oscilloscopio a segnali misti).

Oscilloscopio provvisto di ingressi digitali e analogici.

Risoluzione verticale.

Valore, in bit, che indica la precisione con cui l'oscilloscopio converte le tensioni in ingresso in valori digitali. La funzione di miglioramento della risoluzione può migliorare la risoluzione verticale effettiva.

Software PicoScope.

Prodotto software in dotazione con tutti gli oscilloscopi Pico Technology. Trasforma il PC in oscilloscopio, analizzatore di spettro e display di misurazione.

Trigger esterno.

Il connettore BNC contrassegnato "EXT" sugli oscilloscopi per PC PicoScope serie 3000. Può essere usato come sorgente di innesco, ma non come ingresso di forma d'onda.

USB 1.1.

Porta standard che permette di collegare apparecchiature esterne ai PC. Una tipica porta USB 1.1 utilizza velocità di segnalazione fino a 12 megabit per secondo ed è decisamente più veloce di una porta RS-232.

USB 2.0.

Porta che utilizza velocità di segnalazione fino a 480 megabit per secondo ed è compatibile con la versione precedente USB 1.1.

USB 3.0.

Porta che utilizza velocità di segnalazione fino a 5 gigabit per secondo ed è compatibile con le versioni precedenti USB 2.0 e USB 1.