Misurazioni automatiche con il Software PicoScope 6

Fare misure con il Software PicoScope 6  è facililissimo. E’ possibile eseguire un elevato numero di diverse misure grazie al sistema automatico di misura. Usando il menu “Measurements” è possibile selezionare il tipo di misura da eseguire e il PicoScope mostrerà una tabella con i valori ottenuti.

13

La funzione “measurement statistics” consente di vedere i valori medio, massimo, minimo e la deviazione standard di ciascuna misura, oltre che il valore istantaneo. Questo è utile per i collaudi di produzione e per la caratterizzazione di nuovi prodotti. E’ anche possibile abilitare un filtro passa-basso su alcune misure o selezionare le soglie nelle misure dei tempi di salita e di discesa.

14

Altre misure possibili sono: RMS AC, tempo di ciclo, media DC, duty cycle, velocità di discesa, frequenza, tempo di caduta, larghezza degli impulsi (alto e basso), minimo, massimo, picco picco, tempo di alita, velocità di salita, vero RMS.

Per misure sulle immagini sono disponibili appositi cursori; con il mouse si attiva il cursore sullo schermo e lo si trascina sul punto che si vuole misurare. Sono disponibili cursori lungo entrambi gli assi; questo permette di misurare sia l’ampiezza che il tempo (o la frequenza).

Per ulteriori informazioni sul Software PicoScope 6 non esitate a contattare i nostri uffici o inviateci una mail su info@epcb.it.

Consultate inoltre il Nuovo Manuale PicoScope 6 completamente in italiano o scoprite le nuove funzioni del Software PicoScope 6 su ePCB.it!

Buona Giornata!

Lo Staff di ePCB.it

No comment »

Generatore di forma d’onda arbitraria (AWG)

Un Generatore di forma d’onda arbitraria (AWG) è uno strumento molto utile quando si eseguono collaudi. In passato il prezzo proibitivo di questi generatori li ha resi irraggiungibili per molti clienti; per non parlare dell’ingombro richiesto. Con il Software PicoScope 6 questo problema è stato superato!

Il Software PicoScope 6 ha un generatore di forma d’onda arbitraria integrato che, se usato con un oscilloscopio PicoScope compatibile, può generare una forma d’onda di quasi tutti i tipi. La forma d’onda generata può essere iniettata nel circuito da testare e analizzata nella sua propagazione attraverso il circuito per verificare il corretto funzionamento o individuare eventuali guasti.

Il generatore d’onda arbitraria si può programmare usando un file di testo. Il file può avere fino a 8.192 caselle; questo permette di definire forme d’onda complesse. Visto che il PicoScope può esportare file CSV e TXT, si può catturare una forma d’onda usando l’oscilloscopio e poi riprodurla usando il generatore di funzione.

16


File Forma d’onda arbitraria

Alcuni oscilloscopi per PC PicoScope hanno un generatore di forma d’onda arbitraria (AWG), che è abilitato all’uso del dialogo Generatore di segnali .  PicoScope può programmare l’AWG con una forma d’onda standard,  quale un’onda sinusoidale o quadrata, oppure una forma d’onda arbitraria che si può creare o importare da un file di testo.

Un file di testo per PicoScope 6 è un elenco di valori decimali a virgola mobile, come in questo esempio:

Il file può avere valori tra 10 e 8.192, la quantità necessaria a definire la forma d’onda. Ciascuna riga può avere oltre un valore, nel cui caso i valori devono essere separati da tabulazioni o virgole.

I valori sono campioni tra -1,0 e +1,0 e devono essere distanziati nel tempo in modo uniforme. L’uscita è dimensionata in base all’ampiezza selezionata nel dialogo Generatore di segnali e se necessario si aggiunge la compensazione selezionata.

Ad esempio, se l’ampiezza del generatore del segnale è impostata a “1 V” e la compensazione a “0 V”, allora un valore campione di -1,0 corrisponde a un’uscita di -1,0 V e un campione di +1,0 corrisponde a un’uscita di +1,0 V. Il file deve contenere esattamente un ciclo della forma d’onda, che poi sarà riprodotto alla velocità specificata nel dialogo Generatore di segnali . Nell’esempio di cui sopra, il segnale è stato impostato a 1 kHz, in modo che un ciclo della forma d’onda duri per 1 ms. Vi sono 10 campioni nella forma d’onda, in modo che ciascun campione duri 0,1 ms.

Usare file salvati da PicoScope 6

Poiché PicoScope 6 può esportare file CSV e TXT , è possibile catturare una forma d’onda e poi riprodurla usando un generatore d’onda arbitraria. Prima si deve modificare il file rimuovendo le file d’intestazione e i valori temporali in modo che il formato corrisponda all’esempio precedente. La finestra della forma d’onda arbitraria consente di importare, modificare, disegnare ed esportare forme d’onda arbitrarie per caricarle nel generatore di forma d’onda arbitraria dell’oscilloscopio. È anche possibile importare ed esportare i dati in
formato CSV per usarli in altri applicazioni.

Oscilloscopi con AWG

I seguenti oscilloscopi per Pc hanno la funzione AWG:

Per ulteriori informazioni sul Software PicoScope 6 non esitate a contattare i nostri uffici o inviateci una mail su info@epcb.it.

Consultate inoltre il Nuovo Manuale PicoScope 6 completamente in italiano!

Buona Navigazione

Lo Staff di ePCB.it

Comments off

Canali Matematici nel Software PicoScope 6

Le funzioni matematiche incluse nel Software PicoScope 6 permettono diversi calcoli matematici sui segnali di ingresso dell’oscilloscopio. Con il semplice click del mouse è possibile eseguire operazioni come cambio di segno, addizione, sottrazione, moltiplicazione e divisione usando specifici canali; si possono inoltre creare proprie funzioni.

Per aggiungere un canale matematico basta cliccare un bottone ed una guida indicherà la procedura da seguire; si può selezionare velocemente una delle funzioni integrate come: cambio di segno o addizione, oppure funzioni custom definite tramite l’ “equation editor”. Sono supportate tutte le funzioni aritmetiche, esponenziali e trigonometriche  standard. Si può controllare l’intero processo usando il mouse o la tastiera.

Con i canali matematici di PicoScope è possibile visualizzare fino a 8 canali reali o calcolati in ciascuna videata. Se si esce dallo spazio disponibile basta aprire un’altra videata e aggiungere altri canali.

Nel Nuovo Manuale in Italiano del PicoScope 6 al capitolo 5.20 vengono spiegate tutte le funzioni dei canali matematici e sul sito della Pico Technology anche qualche applicazione come l’analisi della potenza della rete elettrica.

Scopri le Nuove Funzioni del Software PicoScope!

Buona Navigazione

Lo Staff di ePCB.it

No comment »

Oscilloscopi per PC da 12 GHz!

Oscilloscopi da 12 GHz!

PicoScope 9201 è l’oscilloscopio per PC a due canali con ampiezza di banda di 12 GHz che ridefinisce le prestazioni degli oscilloscopi su PC

L’oscilloscopio a due canali PicoScope 9201 utilizza un campionamento sequenziale in tempo equivalente per raggiungere una velocità di campionamento di 5 TS/s. La grande ampiezza di banda consente di acquisire e misurare segnali veloci con una risposta transitoria a 50 ps o più. La stabilità della base dei tempi e la precisione, insieme a un intervallo di campionamento di 200 fs, consentono di caratterizzare la temporizzazione del jitter nelle applicazioni più esigenti. Con il trigger ad alte frequenze (fino a 10 GHz) è possibile eseguire misurazioni su componenti a microonde con velocità dei dati estremamente elevate.

L’eccellente ripetibilità di misurazione, l’eccezionale risoluzione verticale (16 bit) e il rapido aggiornamento del display fanno di PicoScope 9201 un potente strumento di misura per il collaudo di semiconduttori, la caratterizzazione TDR* di circuiti stampati, pacchetti e cavi IC, e per comunicazioni digitali di dati ad alta velocità.

L’acquisizione dei dati e l’analisi delle misurazioni avvengono parallelamente, consentendo allo strumento di raggiungere prestazioni di misura eccezionali. L’oscilloscopio offre una velocità di acquisizione fino a 200 kS/s e un’analisi delle prestazioni di forme d’onda con misurazioni dirette o statistiche automatizzate sia di segnali a valore singolo (onda sinusoidale, impulso) che di segnali a valore multiplo (NRZ, RZ). Marcatori e istogrammi, analisi matematica e FFT, visualizzazione con ritocco del colore, verifica dei limiti parametrici, diagrammi ad occhio e prova dei modelli di maschera possono essere utilizzati da soli o in combinazione.

Un’analisi accurata del diagramma ad occhio dei segnali di tipo NRZ e RZ è essenziale per caratterizzare la qualità dei trasmettitori ottici ed elettrici fin oltre 7 Gb/s. PicoScope 9201 è stato progettato specificamente per la complessa funzione di analisi di forme d’onda di comunicazioni digitali. La maschera di conformità e la verifica parametrica non richiedono più una complicata sequenza di impostazioni e configurazioni. Le misurazioni principali sono a portata di mano, comprese prova della maschera per gli standard di settore con analisi di margine integrata, misurazioni del rapporto di estinzione con precisione e ripetibilità migliorate, percentuale di incrocio delle misurazioni automatiche dell’occhio, altezza e larghezza dell’occhio, livelli uno e zero, jitter, tempi di salita e discesa e altro ancora. Inoltre, la prova della maschera di SDH/SONET, Fibre Channel, Ethernet o altri standard semplifica la verifica di conformità. Il display interamente a colori aiuta a riconoscere i dettagli delle forme d’onda. La modalità di visualizzazione con ritocco del colore aggiunge una terza dimensione – la densità del campione – all’acquisizione e all’analisi dei segnali.

Qual’è la differenza tra oscilloscopio sampling e oscilloscopio a memoria digitale?

Gli oscilloscopi a memoria digitale (DSO) funzionano per campionamento del segnale di ingresso. Il tipico oscilloscopio DSO utilizza il ‘campionamento in real time’ illustrati in Fig. 1.

FIG_1.png

Fig.1

Fig.1. Campionamento in tempo reale. (a) Segnale originale, (b) l’oscilloscopio campiona il segnale in diversi punti, (c) I campioni sono memorizzati in memoria, (d) L’oscilloscopio ricostruisce il segnale utilizzando I campioni memorizzati. (Viene mostrata l’interpolazione a segmenti dritti; esistono anche altri metodi)

Un oscilloscopio ’sampling’ è uno speciale tipo di strumento che usa esclusivamente una tecnica chiamata ‘campionamento sequenziale in tempo equivalente’ (sequential equivalent-time sampling) o semplicemente ‘campionamento sequenziale’ (sequential sampling). Questo tipo di campionamento ben si presta ad analizzare segnali ripetitivi come stringhe di dati seriali, clock e impulsi in circuiti digitali, alcuni dei pattern di dati usati per il collaudo di semiconduttori, risposte impulsive e tempi di salita di amplificatori. Un oscilloscopio sampling cattura un campione in un ciclo della forma d’onda e ripete l’operazione su un elevato numero di cicli variando i tempi di campionamento in un ben definito pattern tra un campione e il successivo. L’insieme risultante dei campioni viene assemblato nell’immagine del’intera forma d’onda analizzata.

FIG_2.png

Fig.2

Fig. 2 – Campionamento sequenziale. (a) Un campione viene catturato su un elevato numero di forme d’onda simili, (b) I campioni sono assemblati in modo da ricomporre la forma d’onda.

Il vantaggio degli oscilloscopi tipo sampling è che il loro convertitore A/D necessita solo di essere abbastanza veloce da catturare un campione in ciascun ciclo della forma d’onda, piuttosto delle decine o centinaia di campioni richiesti da un oscilloscopio real-time. Questo consente di ottenere elevate larghezze di banda dell’oscilloscopio, ben 12 GHz nel caso del PS9201, e di catturare ogni campione con una precisione più elevata. Un oscilloscopio DSO real-time che fosse in grado di catturare un singolo ciclo a 12 GHz della medesima forma d’onda avrebbe un prezzo proibitivo. Esiste sul mercato un modello il cui costo è circa 8 volte quello del PicoScope 9201.

Può il PicoScope 9201/9211 essere considerato un analizzatore di segnali digitali (DSA)?

Sì. Alcuni produttori usano questa denominazione per gli oscilloscopi sampling destinati al mercato dei segnali digitali. Noi abbiamo scelto di chiamare il PicoScope 9201 e il PicoScope 9211 oscilloscopi sampling perché possono fare di più che semplicemente misurare segnali digitali; possono anche essere usati per analizzare forme d’onda ripetitive analogiche.


Qual’è la differenza tra velocità di campionamento in tempo reale e velocità di campionamento in tempo equivalente?

La velocità di campionamento in tempo reale di un oscilloscopio è la velocità alla quale il suo convertitore ADC riesce a campionare una forma d’onda.  Se si vuole catturare un singolo evento come un glitch in un circuito digitale l’oscilloscopio ha una sola possibilità di acquisire abbastanza campioni per rappresentare accuratamente la forma d’onda. In questi casi non c’è alternativa ad un oscilloscopio con alta velocità di campionamento in tempo reale. L’esperienza insegna che sono necessari almeno 10 campioni per ogni ciclo della forma d’onda. Per esempio se il segnale in questione è una forma d’onda quadra da 2 GHz, per catturare una immagine che sembri realistica sarebbe necessario un oscilloscopio con velocità di campionamento in tempo reale di almeno 20 GS/s. Per una accurata analisi temporale e della forma di un segnale sono necessari, come richiesto nel test delle maschere, diverse centinaia di campioni. Questo richiederebbe una velocità di campionamento in tempo reale di 200 GHz o più, che è aldilà delle capacità degli strumenti al momento disponibili, sebbene questi oscilloscopi sono esistiti, e comunque sarebbe di prezzo proibitivo.

La velocità di campionamento in tempo equivalente (ETS, Equivalent Time Sampling) di un oscilloscopio non è una misura della velocità del suo convertitore ADC, ma è la stima di un convertitore immaginario che potrebbe catturare un’onda singola (single shot) con la stessa base dei tempi e con lo stesso numero di campioni dell’oscilloscopio sampling in questione. Se un oscilloscopio sampling avesse una temporizzazione perfettamente accurata, potrebbe raggiungere una velocità ETS grande quanto si vuole semplicemente aspettando un numero necessario di cicli della forma d’onda di ingresso da analizzare. Nei casi reali tuttavia la velocità ETS di un oscilloscopio è limitata dall’elettronica dei circuiti di timing e di trigger. Minore è l’incertezza del tempo (chiamata jitter), maggiore è il numero di campioni non sovrapposti che l’oscilloscopio cattura per formare l’immagine finale, e di conseguenza più alta è la velocità di campionamento in tempo equivalente. Grazie al suo basso jitter il PisoScope 9201 ha un velocità di campionamento ETS di ben 5 TS/s.

Molti dei moderni oscilloscopi DSO indicano nelle loro specifiche sia la velocità di campionamento in tempo reale che quella in tempo equivalente (o sequenziale). Quando si sceglie un oscilloscopio bisogna accertarsi che entrambe le velocità di campionamento siano adeguate alla propria applicazione.

Si possono usare gli oscilloscopi PicoScope 9201 e PicoScope9211 per applicazioni generiche di prove e misure?

I PicoScope 9201 e 9211 non sono progettati per rimpiazzare gli oscilloscopi general-purpose; le maggiori differenze tra gli oscilloscopi della serie PS9000 e oscilloscopi di utilizzo generico sono:

Connettori ingresso tipo SMA. Gli oscilloscopi per utilizzi generici hanno solitamente connettori BNC ai loro ingressi, ma questi connettori al di sopra dei 2 GHz non hanno una impedenza ben definita. I connettori SMA si comportano molto meglio alle alte frequenze, e sono generalmente adottati in applicazioni nel campo delle microonde

Ingressi da 50 ohm. I PicoScope 9000 hanno ingressi a bassa impedenza che non sono utilizzabili con sonde passive ad alta impedenza ma con sonde a bassa impedenza. La bassa impedenza di ingresso è necessaria per l’accoppiamento con cavi standard e connettori ad alta frequenza senza generare riflessioni. La maggior parte degli strumenti progettati per funzionare in alta frequenza (sopra i 500 MHz) hanno l’impedenza di ingresso e di uscita di 50 ohm.

Range di ingresso di +/-2V. Il circuito di ingresso del PS9000 è estremamente sensibile e di larga banda, ma non consente un range di ingresso molto largo come negli oscilloscopi di applicazione generica. Se il segnale di ingresso è maggiore di +/-1V (Massimo range misurabile) è necessario un attenuatore esterno. Bisogna inoltre proteggere gli ingressi dalle scariche elettrostatiche.

Campionamento real time da 100 kS/s. La serie PicoScope 9000 non è progettata per essere usata come oscilloscopi a campionamento real time. I loro precisi convertitori ADC sono ottimizzati per campionamento in tempo equivalente con jitter molto basso, con velocità di campionamento fino a 5 TS/s per segnali ripetitivi

Software dedicato. Il software fornito con i PS 9000 è stato concepito per funzionare solo con oscilloscopi sampling. Include funzioni di display avanzate come i diagrammi ad occhio e gli istogrammi, e misure specialistiche per il test di maschere standard che non possono essere eseguite con oscilloscopi real time. Questo software è molto diverso dal PicoScope 6, il nostro software per oscilloscopi di utilizzo generico, sia per l’aspetto che per le funzioni, e i file non possono essere scambiati tra i due programmi

Che differenza c’è tra gli ingressi ‘Direct Trigger’ e ‘HF Trigger’?

FIG_Trigger.png

Il Direct Trigger è un ingresso di trigger ‘full function’ con una larghezza di banda di 1 GHz, e si collega direttamente alla elettronica dello strumento. Questo trigger può avere pendenza variabile, isteresi, livello di trigger programmabile. Il Trigger HF è un ingresso che attraversa una pre-scalatura interna prima di arrivare alla circuiteria dello strumento. Questo ingresso ha una larghezza di banda maggiore (fino a 10 GHz) ma non è dotato delle regolazioni disponibili nel Direct Trigger.


A cosa serve l’istogramma?

FIG_3.png

Un istogramma verticale mostra la densità del segnale in funzione del voltaggio ed aiuta a visualizzare il rumore. Il PicoScope 9201 può raccogliere un elevato numero di forme d’onda ed eseguire analisi statistiche su di esse. Il risultato di queste analisi viene visualizzato come istogramma riferito alla tensione (istogramma verticale) o riferito al tempo (istogramma orizzontale). L’istogramma verticale indica quanto tempo il segnale rimane ad un determinato livello di tensione, ed è utile per visualizzare il valore efficace del rumore e i suoi margini. Un istogramma orizzontale indica quanto velocemente un segnale cambia durante ciascun intervallo di tempo e mostra il valore efficace delle oscillazioni e i margini temporali. Gli istogrammi sono utili per visualizzare la qualità del segnale, ma volendo si possono avere dati statistici in forma numerica usando le funzioni statistiche integrate.

Come mai il PicoScope 9200 costa così poco?

Non ci sono extracosti nascosti. Quando si acquista un PicoScope 9201 o un PicoScope 9211 si acquista un sistema completo; un hardware da collegare al vostro PC via USB, un alimentatore, e un software basato su Windows. Ma si acquistano anche dei servizi aggiuntivi: supporto gratuito illimitato nel tempo dagli specialisti Pico, aggiornamenti gratuiti del software fino a quando il prodotto viene supportato.

Per contenere il prezzo non vengono fornite sonde che spesso non sono richieste se si hanno sorgenti di segnale con impedenza di 50 ohm.

Scopri il PicoScope 9000 su www.epcb.it!

Buona Navigazione

Lo Staff di ePCB.it

No comment »

Guida per Termocoppie e Sensori Temperatura PT100

Sono disponibili on-line delle guide per la scelta delle  Termocoppie con connettore standard e dei  Termometri a Resistenza di Platino (PRT Platin­um resistance thermometers) o Sensori PT100 che offrono eccellente precisione su un largo range di temperatura (da -200 a + 850°C).

Buona Navigazione

Lo Staff di ePCb.it

No comment »

Trasduttore di Pressione Automotive

Disponibile il Kit Trasduttore di Pressione Automotive WPS500X

Trasduttore di pressione automotive

Il Trasduttore di pressione diagnostico automotive WPS500 consente veloci e accurate analisi di pressione della maggior parte dei sistemi automotive. Questo dispositivo può essere usato per infinite applicazioni diagnostiche di pressione, evitando la necessità di acquistare diversi trasduttori per diverse applicazioni.

· Alta risoluzione ed sensibilità fino 0.005 bar!

· Strumento di zoom con tre modalità

· Valvola integrata di rilascio della pressione

- Batteria LiPo interna ricaricabile via Usb

· Tre range di misurazione della pressione

- Fornito con un Kit completo con cavi, manuale e valigetta

Vista trasduttore pressione

Dispone di 3 range di misura, modalità zoom, valvola di sfiato, batteria ricaricabile al Li-Po il tutto in un unico robusto contenitore. I tre range di pressione consentono misure molto accurate di gas/liquidi in varie applicazioni automotive come la compressione dei cilindri,  la pressione del carburante, il vuoto del collettore e perfino gli impulsi dal tubo di scarico.

Per vedere la compressione dei cilindri si può inserire il sensore con un connettore anche al posto di una candela e attraverso il Software Pico Diagnostics vedere visualizzati i livelli in percentuale direttamente sul vostro schermo come viene dimostrato in questo esempio con una Smart turbo a 3 cilindri.

Test con Software Pico DiagnosticsTest di compressione assoluta con il trasduttore WPS500X su un motore a tre cilindri di una Smart Turbo e il Software PicoDiagnostics per una diagnosi automotive immediata!

Test di compressione assoluta con il trasduttore WPS500X su un motore a otto cilindri e il Software PicoDiagnostics

Il Kit Trasduttore di Pressione Automotive è disponibile on-line sul sito di Strumenti Elettronici www.epcb.it

Buona Navigazione

Lo Staff di ePCB.it!

No comment »

Diagnosi Camion e veicoli commerciali

Nuovo Kit Diagnostico Automotive 4 canali con PicoScope 4423 per veicoli commerciali!

Il Kit Diagnostico per camion e veicoli commerciali della Pico Technology con Oscilloscopi Usb è disponibile presso la Pcb Technologies. Il Kit include una vasta gamma di accessori e il Software PicoScope Automotive gratuito e senza licenza d’uso!

Kit Diagnostico per Veicoli Commerciali

Il Kit Diagnostico Automotive PP540 comprende:

- Oscilloscopio PicoScope 4423 a 4 canali
- Clamp di corrente da 60A DC
- Clamp di corrente da 2000 A AC/DC
- 4 Attenuatori 20:1
- 4 coppie di Sonde per multimetro (rosse e nere)
- 2 coppie di Morsetti piccoli a coccodrillo (rossi e neri)
- 1 coppia di Pinze grandi (rossa e nera)
- 1 set di Sonde ad agopuntura
- 4 Cavi di prova
- 2 Pickup per circuito di accensione secondario
- Cavetto Automotive a due pin
- CD con Software Automotive e librerie
- Guida all’installazione, training video, cavo USB, gancio, set di identificatori per cavi.
- Valigia di trasporto

Provate la Demo Gratuita del Software Automotive PicoScope 6!

Buona Navigazione

Lo Staff di ePCB.it

No comment »

Analizzatore di Spettro sul Pc

Guida per l’Analizzatore di Spettro del Software PicoScope 6

Analizzatore di Spettro Software PicoScope

L’analizzatore di spettro mostra l’ampiezza riferita alla frequenza.  In altre parole mostra il segnale nel dominio della frequenza (al contrario dell’oscilloscopio che mostra il segnale nel dominio dei tempi). Questa funzione è particolarmente utile quando si deve capire la causa di rumore o distorsione nei segnali misurati.

A titolo di esempio un picco a 50Hz (o 60Hz) potrebbe far pensare a del rumore introdotto dal mezzo di trasmissione. Picchi a frequenza più alta possono essere facilmente identificabili come rumori dovuti a accensioni dell’alimentazione o rumori dovuti a circuiti digitali.  Sono previste diverse funzioni come  i modi “Average” (media) per ridurre l’effetto del rumore random, e “PeakHold” (mantenimento del picco) per testare le larghezze di banda degli amplificatori.

Lo spettro di frequenza è diviso in un numero di bin. Più sono i bin più alta è la risoluzione in frequenza. Il numero massimo dei bin di frequenza è determinato dal numero dei campioni acquisiti. Con gli oscilloscopi della serie PicoScope 5000 è possibile avere fino a 1.048.576 bin e ottenere un dispaly dello spettro ad una risoluzione molto alta.

L’analizzatore di spettro FFT di PicoScope include le funzioni finestra (Blackman, Gaussian, triangolare, Hamming, Hann, Blackman-Harris, flat-top and rettangulare) per eliminare eventuali artefatti indesiderati creati durante il processo di campionamento.

vista spettro

La Videata  Spettro è una vista dei dati dall’oscilloscopio. Uno spettro è un diagramma di un livello di segnale su un asse verticale tracciato rispetto alla frequenza sull’asse orizzontale.  Simile alla schermata di un analizzatore di spettro convenzionale, una vista spettro mostra uno o più spettri con un asse di frequenza comune.  Ciascuna vista può avere tanti spettri quanti sono i canali dell’oscilloscopio.

Diversamente dalla vista oscilloscopio, nella vista spettro i dati non sono uniti ai limiti dell’intervallo visualizzato sull’asse verticale, per cui è possibile applicare un dimensionamento in scala o una compensazione dell’asse per vedere più dati. Le etichette dell’asse verticale non sono fornite per dati al di fuori di ciò che è considerato essere l’”intervallo utile“, ma i righelli funzionano ancora al di fuori di questo intervallo.
Le viste spettro sono disponibili indipendentemente da quale modalità (modalità oscilloscopio o modalità spettro ) sia attiva.

Come impostare una vista spettro

Innanzitutto, verificare che la modalità trigger non sia impostata su ETS, in quanto non è possibile impostare una vista spettro in modalità trigger ETS. Vi sono tre modi per aprire una vista spettro:

- Fare clic sul tasto Modalità spettro nella barra Impostazione acquisizione. Si raccomanda di usare questo metodo per ottenere le migliori prestazioni di analisi dello spettro dall’oscilloscopio. Dalla modalità spettro, è possibile aprire una vista oscilloscopio per vedere i dati nel dominio del tempo, ma PicoScope ottimizza le impostazioni per la vista spettro.

- Passare al menu Videate , selezionare Aggiungi Videata, poi selezionare Spettro.

seleziona videata spettro

Questo metodo apre una vista spettro nella modalità selezionata in uso, sia che sia una modalità oscilloscopio o spettro. Per i migliori risultati, s raccomanda di passare in modalità spettro, come descritto nel metodo immediatamente precedente.

- Fare clic con il tasto destro su qualsiasi vista , selezionare Aggiungi videata, poi selezionare Spettro. Il menu è simile a quello Viste mostrato sopra.

Configurazione della vista spettro

PicoScope può produrre una vista spettro in base a dati in uso o memorizzati. Se PicoScope è in funzione (il tasto Avvia è premuto), la vista spettro rappresenta dati in uso. In caso contrario, con PicoScope spento (il tasto Stop è premuto), la vista rappresenta i dati memorizzati nella pagina attualmente selezionata del buffer della forma d’onda. Quando PicoScope è spento, si possono usare i controlli del buffer per scorrere attraverso il buffer e si ricalcola la vista spettro dalla forma d’onda attualmente selezionata.

In modalità spettro la barra Impostazione acquisizione è la seguente:

stringa

Controllo della gamma di frequenza. Imposta la gamma di frequenza nell’asse orizzontale dell’analizzatore di spettro quando il controllo dello zoom orizzontale è impostato a x1.

Opzioni spettro. Appare se si apre una vista spettro , indipendentemente dal fatto che sia selezionata la modalità oscilloscopio

Dialogo Opzioni Spettro

Questo dialogo appare quando si fa clic sul tasto Opzioni spettronella barra Impostazioni acquisizione . Risulta disponibile solo quando si apre la vista spettro.  Contiene controlli che stabiliscono come PicoScope converte la forma d’onda sorgente nella vista oscilloscopio corrente in una vista spettro.

opzioni_spettro

Bin spettro: Numero di bin di frequenza nel quale è diviso lo spettro. Questo controllo imposta il numero massimo di bin di frequenza che il software può fornire o meno in base alle altre impostazioni. Il limite principale è che il numero di bin non può superare di molto la metà del numero di campioni nella forma d’onda sorgente. Se la forma d’onda sorgente contiene meno campioni del necessario (ossia, meno del doppio del numero dei bin di frequenza) allora PicoScope esegue lo zero-pad della forma d’onda fino alla successiva potenza di due.

Ad esempio, se la vista oscilloscopio contiene 10.000 campioni e si imposta Bin spettro a 16384, allora PicoScope esegue lo zero-pad della forma d’onda a 16.384, che è la potenza più vicina delle due sopra 10.000. Quindi usa questi 16.384 campioni per fornire 8.192 bin di frequenza, non i 16.384 richiesti. Se la forma d’onda sorgente contiene più campioni del necessario, allora PicoScope usa i campioni necessari, partendo dall’inizio del buffer della forma d’onda. Ad esempio, se la forma d’onda sorgente contiene 100.000 campioni e sono necessari 16.384 bin di frequenza, PicoScope richiede solo 2 x 16.384 = 32.768 campioni, per cui usa i primi 32.768 dal buffer della forma d’onda e ignora il resto. La quantità di dati effettivamente usati appare come l’impostazione Porta temporale nel foglio Proprietà.

Funzione finestra: Consente di scegliere una delle funzioni finestra standard per ridurre l’effetto di funzionare su una forma d’onda limitata nel tempo.

Modalità visualizzazione

Si può scegliere tra Grandezza, Media o Tenuta di picco. 

Grandezza: la vista spettro mostra lo spettro di frequenza dell’ultima forma d’onda acquisita, sia in tempo reale o memorizzata nel buffer della forma d’onda.

Media: la vista spettro mostra una media mobile di spettri calcolata da tutte le forme d’onda nel buffer della forma d’onda. Ciò ha l’effetto di ridurre il rumore visibile nella vista spettro. Per cancellare i dati medi, fare clic su Arresta e poi su Avvia oppure passare dalla modalità Media a quella Grandezza

Tenuta di picco: la vista spettro mostra un massimo mobile di spettricalcolato da tutte le forme d’onda nel buffer. In questa modalità, la grandezza di qualsiasi banda di frequenza nella vista spettro rimaneuguale o aumenta, ma non diminuisce mai nel tempo. Per cancellare i dati di tenuta di picco, fare clic su Arresta e poi su Avvia oppure passare dalla modalità Tenuta di picco a quella Grandezza.

Scarica il Manuale Completo del Software PicoScope 6 completamente in Italiano

Buona Navigazione

Lo Staff di ePCB.it

Comments (4) »

Nuova Serie PicoScope 6000 Oscilloscopi USB da 5 GS al secondo!

PicoScope 6000

I nuovi Oscilloscopi PicoScope della serie 6000 sono i primi in grado di offrire una frequenza di campionamento in tempo reale di 5 GS/s, che si associa ad una larghezza di banda di ben 350 MHz su tutti e quattro i canali. Gli oscilloscopi hanno inoltre un buffer di memoria da 1 GS che nessun altro modello da banco o USB è in grado di offrire.

La serie PicoScope 6000 è il più recente risultato dei 18 anni di esperienza che PicoTechnology ha accumulato nella progettazione di oscilloscopi.  Questi strumentiracchiudono prestazioni e funzioni molto più numerose rispetto al passato in un alloggiamento USB davvero poco ingombrante.

Oltre alle specifiche più importanti, gli oscilloscopi integrano un generatore di funzioni, un generatore di forma d’onda arbitraria, funzioni di verifica dei limiti con maschere, limitazione della larghezza di banda commutabile su ogni canale e ingressi commutabili da 1 megaohm e da 50 ohm. Tutto questo si aggiunge alle funzioni di analisi dello spettro, attivazione avanzata e decodifica seriale previste di serie negli Oscilloscopi USB della Pico Technology.

Software PicoScope

Gli oscilloscopi si connettono a qualsiasi computer con sistema operativo Windows XP, Windows Vista o Windows 7 provvisto di interfaccia USB 2.0.  Se collegati a un PC permettono di guadagnare spazio sul banco di lavoro, connessi a un notebook creano invece uno strumento portatile perfetto per gli interventi e le dimostrazioni on site. Frequenze di campionamento e larghezze di banda particolarmente elevate rendono questi strumenti ideali per progettisti di circuiteria analogica e digitale, installatori e tecnici collaudatori. Per elaborare personalmente le applicazioni di controllo, Pico mette a disposizione gratuitamente un software di sviluppo in kit che comprende anche un codice di esempio.

mask

Come tutti gli oscilloscopi per PC di Pico Technology, la serie PicoScope 6000 farà rendere al meglio il vostro investimento. “Dovrete solo acquistare l’oscilloscopio, mentre il vostro PC si occuperà di tutte le funzioni standard come visualizzazione, archiviazione su disco e connessione in rete”, spiega l’amministratore delegato Alan Tong. “Tutte le funzioni dello strumento sono comprese nel prezzo di partenza, e nessuno dovrà spendere altro denaro per acquistare aggiornamenti o moduli aggiuntivi”. Ogni cliente dovrà solo decidere se acquistare l’oscilloscopio da solo o insieme alle quattro sonde x10 compensate da 500 MHz”.

Per maggior informazioni Scarica la Brochure del Nuovo PicoScope 6000!

Buona Navigazione

Lo Staff di ePCB.it

No comment »

Diagnosi Auto con i Video Tutorial Pico Technology

Sul sito automotive della Pico Technology si possono trovare decine di video che dimostrano il funzionamento degli oscilloscopi automotive.


Video PicoScope Automotive

Con un semplice Kit Diagnostico si possono analizzare un enorme varietà di guasti elettrici che si possono trovare sui moderni veicoli. Come ad esempio l’Accensione, gli Iniettori e la Pompa carburante, la Batteria e il Motorino d’avviamento, i Sensori ABS, Sensori albero motore e a camme, Lambda, Candelette, Relè e temporizzatori. Ed eseguire vari Test come sulla compressione relativa sulle linee CAN bus, LIN bus, FlexRay, etc..

Buona Visione

Lo Staff di ePCB.it

No comment »

Demo ACE Misfire Detective Software in officina

Nel Video viene diagnosticato il motore di una Chrysler LHS del ‘99 con rumorosi difetti di combustione. Il software ACE utilizza gli Oscilloscopi Picoscope Automotive per  campionare e visualizzare i dati di combustione su forme d’onda in tempo reale.  Viene visualizzato un diagramma del motore in moto e assegna ai cilindri uno schema con dei numeri in base alla sequenza di combustione. Per i cilindri buoni si avrà il verde, per quelli guasti il rosso. Così sarà istantanea la visualizzazione del cilindro mal funzionante. Alla fine verrà rilevato un problema con la cadela del cilindro numero 5.

- Recensione del Software ACE su Motor.com

Buona Visione

Lo Staff di ePCB.it

No comment »

Video Software ACE Misfire Detective



Comments (1) »

Nuovo Catalogo Strumenti Automotive

No comment »

Diagnosi Auto con il Software PicoScope Automotive

PicoScope Automotive

Software PicoScope Automotive

Il kit di diagnostica con oscilloscopio della Pico Technology utilizza l’oscilloscopio per PC PicoScope serie 4000 e integra il software Pico Technology specifico per automobili.

L’oscilloscopio per PC PicoScope serie 4000 trasforma un PC laptop o desktop in un potente strumento diagnostico automobilistico, per la ricerca di guasti nei sempre più numerosi sensori, attuatori e circuiti elettronici che oggi affollano i veicoli.

Istruzioni sull’uso di PicoScope

I menu a discesa e le barre degli strumenti dello schermo di PicoScope non sono una novità per gli utenti del software Windows.

Il menu a discesa Automotive nella barra dei menu è una funzione importante del Software PicoScope Automotive.

Menu Automotive Software PicoScope

Questo menu a discesa visualizza una scelta delle misurazioni comuni eseguibili con il kit Automotive.

Quando si seleziona una delle opzioni di misurazione dal menu Automotive, PicoScope automaticamente:

- Carica una forma d’onda campione appropriata alla misurazione scelta

- Cambia le impostazioni per ripristinare i valori predefiniti per la misurazione prescelta

- Visualizza una pagina di guida con le informazioni sugli accessori necessari per eseguire la misurazione, impostare l’attrezzatura, utilizzare come esempi le forme d’onda acquisite ed eventuali altre informazioni tecniche potenzialmente utili.

Software PicoScope Automotive

Nella barra degli strumenti in alto sono disponibili tutti i controlli maggiormente usati per l’oscilloscopio.

Entrambi i canali sono controllati dai menu a discesa con la base dei tempi:Base Tempi Software PicoScope Automotive

I menu della base dei tempi controllano la quantità di tempo impiegata dalla traccia per spostarsi in orizzontale lungo un quadrato della griglia. Il primo menu a discesa seleziona la quantità di tempo necessaria per spostarsi lungo un quadrato se il fattore di zoom orizzontale è impostato su x1.  Il secondo menu a discesa seleziona il fattore di zoom orizzontale.

L’oscilloscopio per PC PicoScope 4423 è dotato di quattro canali: A, B, C e D.  Ogni canale è controllato da un gruppo specifico di controlli nella barra degli strumenti in alto:

Canale A Software PicoScope Automotive

Il primo menu a discesa seleziona il campo d’azione del segnale che si desidera misurare. Se si definiscono dei campi d’azione personalizzati, anch’essi verranno visualizzati qui. Il secondo menu a discesa seleziona l’accoppiamento CA o CC. Ulteriori informazioni sui rimanenti menu a discesa nella barra degli strumenti in alto sono disponibili nel menu della guida installato con il software.

Nella barra degli strumenti in basso, i pulsanti “STOP/GO” (ARRESTA/ESEGUI) avviano e interrompono l’acquisizione delle forme d’onda (la barra spaziatrice ha lo stesso effetto).

Avvia Campionamento Software PicoScope Automotive

Quando l’oscilloscopio viene arrestato, sul display rimane l’ultima forma d’onda.

La barra degli strumenti in basso contiene anche i controlli per impostare le condizioni di trigger dell’oscilloscopio. L’attivazione è usata per selezionare il momento in cui PicoScope deve raccogliere i dati da visualizzare. Di solito questo avviene in un momento preciso, prima o dopo un evento trigger.

Esiste un solo gruppo di impostazioni di trigger che si applica a tutte le visualizzazioni. Un evento trigger si verifica quando un canale specificato supera una soglia di tensione (massima o minima).  PicoScope può avviare la raccolta dei dati immediatamente dopo l’evento trigger oppure ad un determinato intervallo di tempo prima o dopo l’evento trigger.

Una volta raccolto e visualizzato un blocco di dati, PicoScope può avviare la ricerca del successivo evento trigger (modalità di ripetizione) oppure interrompere la raccolta (modalità singola) lasciando visualizzati a schermo i dati successivi al trigger.

La prima misurazione

Si suggerisce di utilizzare in primo luogo il kit diagnostico con oscilloscopio per acquisire le forme d’onda di tensione e corrente dall’alternatore. Questa opzione è disponibile nel menu Automotive, sotto Varie | Circuiti di carica | Corrente/Volt.

Viene visualizzata automaticamente una pagina della guida che mostra come collegare le varie parti del kit che viene brevemente illustrato.

Oscilloscopio Automotive per Elettrauto

No comment »

Diagnostica Automotive con la nuova Serie PicoScope 4000

Nuova Serie PicoScope Automotive 4000

Gli Oscilloscopi PicoScope Automotive forniscono la soluzione completa per la diagnostica su ogni tipo di veicolo. Vengono forniti singolarmente con il Software PicoScope 6 oppure nella versione Kit Diagnostico, completi con valigette ricche di accessori e strumenti per l’officina.

Scarica la Brochure in Italiano!

Nuova Presentazione Prodotti Pico Automotive

Nuovo Kit Diagnostico Avanzato

Buona Navigazione

Lo Staff di ePCB.it

No comment »